DALLA SOCIETA'16:40 - 13 aprile 2010

L'incubo delle vittime dei preti pedofili

In Italia iniziano ora a venire a galla i primi casii: negli ultimi dieci anni 250 bambini sono stati vittime di 80 sacerdoti.

di staff Style.it
<p>L'incubo delle vittime dei preti pedofili</p>
PHOTO GETTY IMAGES

In Irlanda, a novembre, la denuncia di oltre 325 casi di abusi sui minori coperti dalle gerarchie ecclesiastiche locali.  A marzo, gli scandali in Germania, in Olanda e negli Stati Uniti, dove un rapporto della Conferenza episcopale parla di 6.700 «accuse credibili» di molestie sessuali tra il 1950 e il 2002 contro 4.392 preti, il 4% dei 110 mila in servizio in quel periodo.
In Italia iniziano ora a venire a galla i primissimi: negli ultimi dieci anni 250 bambini sono stati vittime di abusi da parte di 80 sacerdoti.

Ecco alcune testimonianze raccolte da Vanity Fair di alcuni degli ex alunni dell'istituto Antonio Provolo di Verona che hanno subito violenza sessuale da parte di alcuni sacerdoti dell'istituto:

«La prima volta è stata con don Guido: facevo fatica a pronunciare la "r" e lui mi dava lezioni di dizione; eravamo in aula, da soli, quando ha cominciato a toccarmi», ricorda Gianni, 61 anni, ex costruttore nautico, oggi maestro di sci. Anche Dario Laiti, sordo fin da piccolissimo, è arrivato al Provolo quando aveva 6 anni. Oggi ha 59 anni ed è in pensione, ma il ricordo di quel periodo è vivo: «Era passato circa un anno dal mio arrivo alla scuola quando un assistente mi venne a prendere in dormitorio, disse che doveva parlarmi, mi portò in camera e abusò di me».


La prima di una lunga serie di violenze, che accadevano due o tre volte a settimana. «Dopo un po'», continua Dario, «anche un prete cominciò a portarmi a dormire con lui, e così andò avanti per sei anni. Mi sono salvato solo quando l'hanno mandato via dalla scuola».

L'articolo completo lo trovate sul numero 15/2010 di Vanity Fair in edicola da mercoledì 14 aprile.

Fonte[ Vanity Fair ]

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).