DALL'ITALIA11:51 - 14 aprile 2010

Colosseo, 23 milioni di euro per salvarlo

Una cordata di imprenditori per dare il via al maxi-restauro. La guida Della Valle

di Lavinia Farnese
<p>Colosseo, 23 milioni di euro per salvarlo</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

Il Colosseo cade a pezzi. E ha bisogno di essere restaurato. Per farlo, spiega il sindaco di Roma, Gianni Alemanno, servono 23 milioni di euro. Una cifra da capogiro, che i Beni Culturali, da soli, non riescono a coprire. Sembrava difficile trovare nel Terzo millennio qualcuno che per amore di patria e cultura, tirasse fuori dalle sue tasche questi soldi per riportare agli antichi splendori il monumento più importante d'Italia, tra i più conosciuti al mondo.
E invece c'è un nuovo Decio Mario Venanzio (il prefetto urbano che nel 508 mise mano al recupero dell'Anfiteatro Flavio pagando coi suoi averi). È Diego Della Valle che, a capo di una cordata di imprenditori, finanzierà con 5 milioni la pulitura della facciata Nord, con 3 milioni e mezzo il prospetto Sud, con 7 milioni gli ambulacri dei primo e del secondo ordine, per finire poi in bellezza con gli Ipogei, per cui ci vogliono 4 milioni e mezzo, la messa in sicurezza degli impianti, un milione, e la sostituzione della recinzione esterna, un altro milione e mezzo.  Il patron di Tod's ha invitato tutti gli uomini d'affari d'Italia e del mondo a prendersi cura di uno «spicchio» dell'Anfiteatro, per un intervento atteso da decenni. E sembra proprio che,  a «salvare» il Colosseo, arriveranno anche sponsor giapponesi.


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).