DAL MONDO09:48 - 14 aprile 2010

Usa, accuse di abusi anche nei Boy Scout

Un giudice ha condannato l'organizzazione americana a 1,4 milioni di dollari di risarcimento

di Angelo Sarasi
<p>Usa, accuse di abusi anche nei Boy Scout</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

Un caso di abuso sessuale su un minorenne scuote anche i Boy Scouts. Dopo le vicende degli abusi dei preti pedofili, un giudice di Portland ha stabilito che l'organizzazione americana del movimento giovanile nata in Inghilterra agli inizi del '900 dovrá pagare 1,4 milioni di dollari  come indennizzo per danni morali inferti a Kerry Lewis, un uomo oggi 38 enne che al momento delle molestie non era ancora maggiorenne.

Secondo il magistrato, Boy Scout of America mostrò grande imprudenza consentendo a Timur Dykes, un assistente dell'organizzazione, di continuare a svolgere attività con i ragazzi del gruppo nonostante avesse confessato l'abuso compiuto nel 1983  a danno di Lewis e il suo nome fosse stato inserito in un archivio, interno al movimento, che conteneva i nomi delle persone inadatte a stare in contatto con i minorenni.

Una lista nera che, secondo l'accusa, invece, serviva semplicemente ad occultare i casi di violenza sessuale. Dykes fu successivamente condanno tre volte per abusi sessuali commessi su minori e mandato in carcere. Boy Scout America, nel preannunciare l'appello, si difende appellandosi al valore morale dei servizi compiuti in più di un secolo, ma nove giurati su dieci a Portland le hanno dato torto.


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).