DAL MONDO15:57 - 15 aprile 2010

L'abc dell'appuntamento? Te lo spiega il coach

Dagli Usa arriva l'allenatore per trovare il fidanzato

di Ferdinando Cotugno
<p>L'abc dell'appuntamento? Te lo spiega il coach</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

Hai un appuntamento e non sai come vestirti? Cerchi un partner su un sito di annunci sentimentali e non sai come muoverti? Ti piace un collega ma non sai trovare le parole per invitarlo a uscire? Se vivi in Italia, tutto quello che puoi fare è chiedere consigli agli amici
davanti a una birra. Se vivi negli Stati Uniti, puoi invece scegliere di rivolgerti a un professionista. Si chiamano dating coach, esperti del corteggiamento altrui. Secondo i dati di business, sono ancora gli uomini in prevalenza a rivolgersi di più a loro, ma il numero delle
donne sarebbe in aumento.

Il fondatore dell'agenzia più richiesta si chiama Arthur Malov. Nonostante un'esperienza trentennale, il suo credo per i clienti maschi non è dei più originali. «Le donne dicono di volere un bravo ragazzo, ma quello che cercano è un tipo cool». Lì dove «cool» vuol dire non solo «alla moda» ma anche distaccato e sicuro di sé. I suoi metodi devono essere più articolati
della sua filosofia, se arrivano single dal Giappone e dalla Norvegia, per ascoltare le sue metafore ispirate al poker.

Non mostrare mai le tue carte troppo presto, dice Malov. Non mostrarti troppo flessibile, non essere sempre disponibile. Nel suo team ci sono una decina di collaboratori, anche alcune donne. Il business dei dating coach è piuttosto fiorente negli Stati Uniti, e ci sono agenzie anche in Australia e nel Regno Unito. In Italia stanno nascendo i primi siti web, ma principalmente ci si deve accontentare dei cari vecchi amici del pub. Che magari danno consigli un po' meno sessisti.


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).