DAL MONDO11:54 - 15 aprile 2010

Donne, fa più carriera chi tiene il cognome da nubile

Per ottenere un lavoro maggiormente qualificato è sempre meglio tenere il proprio cognome da signorina

di Angelo Sarasi
<p>Donne, fa più carriera chi tiene il cognome da nubile</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

Per ottenere un lavoro maggiormente qualificato è sempre meglio tenere il proprio cognome da signorina. Lo stabilisce una ricerca condotta dall'olandese Tilburg Institute for Behavioral Economic Research in base alla quale le donne che scelgono di prendere in dote il cognome del consorte avrebbero generalmente un livello di educazione inferiore, sarebbero meno forti caratterialmente, più facili ad essere sottomesse, più emozionali, meno competenti. Praticamente un disastro sul lavoro.

Per gli studiosi olandesi che hanno interrogato migliaia di donne in svariate professioni. Chi invece mantiene il proprio cognome viene considerato dai colleghi e dai propri superiori maggiormente ambiziosi, preparato e decisionista quando si tratta di scegliere tra un'opzione professionale urgente. Anche per quel che riguarda il salario, ci sarebbero
conseguenze: la donna che non cambia il cognome guadagnerebbe in media 860 euro
in più rispetto a chi invece lo fa. Lo studio, pubblicato sulla rivista di settore Basic and Applied social Psychology, ha destato moltos scalpore nei Paesi Bassi.


Il suocero ha scritto in un libro che la moglie Michelle si sarebbe mangiata quel ragazzo, la prima volta che lo vide. Ma la donna da cui Barack Obama deve guardarsi è piuttosto un'altra. Secondo un sondaggio condotto dalla Cnn, per la prima volta da quando Obama è presidente, Hillary Clinton lo avrebbe superato nei consensi. Il 61% degli americani vorrebbe che la moglie di Bill si candidasse nel 2012 contro un 35% che la preferisce segretario di stato anche in un secondo mandanto di Obama. Una forbice di consensi superiore tra i dieci e i quindici punti rispetto alla Convention Democratica dell'agosto 2008.

La percentuale di gradimento relativa all'operato dell'attuale inquilino della Casa Bianca sarebbe scesa invece dal 78% registrato al momento dell'investituta al 57%, un dato di gradimento nettamente inferiore rispetto alla sua ex rivale. Un'altra donna democratica pericolosa per il presidente sarebbe la speaker della camera Nancy Pelosi che, dopo il buon lavoro compiuto facendo approvare la tanto controversa riforma della sanità, gode di una percentuale di gradimento che oscilla intorno al 45%.  Hillary ha commentato il sondaggio con poche, laconiche parole. «Per il momento non penso a una mia candidatura nel
2012».  Ma forse non bisogna crederle sino in fondo.


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).