DAL MONDO12:03 - 17 aprile 2010

Eruzione in Islanda, stop ai voli nel Nord Italia fino a lunedì

Le ceneri dell'eruzione fanno chiudere gli aeroporti di mezza Europa

di staff VanityPeople
<p>Eruzione in Islanda, stop ai voli nel Nord Italia fino a
lunedì</p>

Non si vola  fino a lunedì sui cieli del Nord Italia per l'arrivo delle ceneri dell' eruzione del vulcano islandese iniziata mercoledì. Dopo  i gravi disagi di ieri in mezza Europa si è arrivati allo stop anche per gli aeroporti del Settentrione. Riapriranno (forse) all8 di mattina di lunedì.

Il blocco era stato proclamato inizialmente fino alle 14, poi era stato prolungato alle 8 di sera, alla fine è arrivato l'ulteriore stop. Riguarda gli scali di Torino, Milano Malpensa, Milano Linate, Bergamo, Venezia e Bologna. Saranno permessi solo i voli militari, di emergenza e umanitari.

AEROPORTI E STAZIONI IN TILT. A Milano  Malpensa sono stati cancellati oltre 300 voli, a Milano Linate un centinaio. Entrambi gli scali si sono trovati affollati di passeggeri rimasti a terra. Ma il blocco ha mandato in tilt tutto il sistema del traffico aereo nazionale. A Roma Fiumicino sono restati a terra duecento voli diretti verso il Nord dell'Italia e dell'Europa.  

La gran parte dei passeggeri si è riversata nelle stazioni. Soprattutto le biglietterie di Termini a Roma e Centrale a Milano sono assediate da lunghe code (a Milano si inizia subito alla fine della fermata corrispondente della metropolitana). Su gran parte dei collegamenti c'è il tutto esaurito almeno fino a martedì. Disagi anche al Sud con centinaia di voli cancellati da Napoli fino a Catania. La nuvola di ceneri si sta spostando verso Est: Roma e il Sud Italia potrebbero essere risparmiate.

INFO.  Per avere informazioni l'Alitalia invita consultare il sito www.alitalia.it o a contattare il numero verde 800650055. Per far fronte all'emergenza Trenitalia ha anche aumentato i collegamenti con il nord con 6 corse aggiuntive di Frecciarossa per oggi, sabato, tra Roma e Milano e Frecciargento tra Venezia e Roma, con fermata a Bologna. Domani ci saranno anche due Frecciarossa in più alle 8 tra Roma e Milano.

La decisione, recita il comunicato dell'Enac, l'ente che controlla i voli, è stata presa «per il persistere delle negative condizioni dello spazio aereo interessato dalla nube del vulcano islandese Eyjafjallajokull. L'Enac segue costantemente l'evolversi della situazione e, qualora ne ricorressero le condizioni, potrà eventualmente procedere anche ad un allargamento dell'area di spazio aereo interdetto ai voli e a un'estensione temporale di tali provvedimenti».

L'EUROPA. La parte nord-occidentale dell'Europa resta avvolta dalla nube islandese. I Paesi in cui il traffico aereo ha subito disagi più o meno gravi sono 19. Lo spazio aereo di Gran Bretagna (dove la nube sta in parte svanendo), Irlanda, Belgio, Repubblica Ceca, Danimarca, Olanda, Estonia, Finlandia, Ungheria, Lettonia, Slovacchia è attualmente chiuso. Restano molte restrizioni ai voli in Svizzera, la Germania ha chiuso tutti i 16 aeroporti internazionali e la Francia tutti quelli del nord del Paese (compresi entrambi quelli parigini). Chiusure parziali riguardano anche Lituania, Norvegia, Polonia, Irlanda e Svezia. Ironia della sorte è aperto invece lo scalo della capitale islandese Reykjavik, dopo che la nube si è ormai allontanata dall'isola atlantica.

In Spagna, Italia meridionale, Balcani meridionali, Bulgaria, Grecia e Turchia si continua a volare, seppure con qualche disagio. Rispetto ai 22 mila voli giornalieri, per oggi in Europa se ne prevedono 5 mila. Dei 300 voli transatlantici mediamente in arrivo, giungeranno a destinazione solo 73.

Se la nube non desta alcuna preoccupazione per la salute delle persone, il pericolo per gli aerei non è tanto una questione di visibilità: c'è il rischio che le ceneri entrino nei motori e li danneggino. 

GUARDA LA GALLERIA DI IMMAGINI


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
clarissa 80 mesi fa

ciao sono clarissa e meglio che stanno chisi perche' le persone possono morire

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).