DALL'ITALIA17:03 - 19 aprile 2010

Cassazione: Marrazzo «vittima di un'imboscata»

Confermate le misure cautelari nei confronti dei carabinieri accusati di ricatto

di staff Style.it
<p>Cassazione: Marrazzo «vittima di un'imboscata»</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

L'ex governatore della Regione Lazio Piero Marrazzo è stato «vittima predestinata» di una «imboscata». Lo scrive la Cassazione nelle motivazioni depositate con il provvedimento che ha confermato le misure cautelari nei confronti di alcuni carabinieri della Compagnia di Roma Trionfale, accusati di ricatto nei confronti di Marrazzo.

Secondo i supremi giudici, i carabinieri Luciano Simeone e Carlo Tagliente - nell'irruzione a via Gradoli dove lo scorso luglio sorpresero Piero Marrazzo col trans Natalie - «hanno impedito a Marrazzo di tirarsi su i pantaloni», perché «la ripresa in mutande aveva, evidentemente, per i fini perseguiti dagli indagati, ben maggiore effetto e ben altro valore, così ben altro valore avrebbe avuto la "scena del crimine" se fosse stata opportunamente "condita" dalla presenza di droga».


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lamberto 77 mesi fa

Ero convinto dell'imboscata ma credo che ci sia stato addirittura un complotto con evidenti fini politici. Per quanto riguarda lo schifo sono d'accordo con Alice il nostro è un paese Tridimensionale.

alice 77 mesi fa

checchè se ne dica è stato solamente un grande immondezzaio. Marrazzo ne è il capo supremo. ke skifo

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).