DAL MONDO09:00 - 22 aprile 2010

Nube di cenere, Ryanair rimborserà "con moderazione" i passeggeri

Lo ha deciso il capo della compagnia low cost, Michael ÒLeary

di Lavinia Farnese
<p>Nube di cenere, Ryanair rimborserà "con moderazione" i
passeggeri</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

La nube di cenere del vulcano islandese è passata, ma ha lasciato malumori e dietro-front. A iniziare da quelli del capo di Ryanair. Michael ÒLeary aveva dichiarato che la compagnia aerea low-cost non avrebbe rimborsato ai suoi passeggeri le spese extra volo, vale a dire quelle affrontate per pagare alberghi, ristoranti e telefonate durante questi giorni di cieli chiusi imposti dai vari governi dopo l'eruzione di Eyjafjal. 
Ryanair, aveva precisato l'ad, avrebbe rimborsato solo il prezzo originale del biglietto, andando così contro le regole stabilite in materia dall'Unione Europea.
Dopo però che Michael ÒLeary in un incontro con la Commissione per la regolamentazione del traffico aereo, si era detto pronto a portare la questione anche in tribunale («Non c'è nessuna legge specifica che possa obbligare una compagnia aerea che offre un biglietto a 30 euro a rimborsare ai passeggeri migliaia di euro spesi in albergo. È assurdo», aveva detto), dopo due ore ha fatto un passo indietro: pagherà i clienti coinvolti nel caos, come vuole il regolamento EU261, ma senza fronzoli, con moderazione.

Intanto, da oggi tutti i suoi aerei, delle tratte nazionali e internazionali, sono tornati a volare. E il traffico aereo europeo si è normalizzato. Tranne in Svezia e Norvegia, dove per le ceneri sono stati chiusi di nuovo gli aeroporti.

 

TORNA ALLO SPECIALE

LEGGI AEREI A TERRA, L'INQUINAMENTO DIMINUISCE


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).