DAL MONDO12:37 - 23 aprile 2010

Germania, i baby criminali condannati alla lettura

Un giudice tedesco condanna i baby criminali a leggere un libro

di Greta Privitera
<p>Germania, i baby criminali condannati alla lettura</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

Condannati a leggere un libro. È un'idea del giudice Christoph Mangelsdorf, del Land tedesco dell'Assia, che costringe i giovani  alla loro prima esperienza criminale, alla lettura. Non un mattone alla Guerra e pace di Tolstoj, bensì libri che siano pensati per i ragazzi e che abbiano un qualche legame con la storia dei giovani criminali. Obiettivo: aiutarli a riflettere su quello che hanno fatto, ma anche stimolare la loro fantasia e conquistarli alla lettura. Dal lancio del progetto, a inizio anno, i giovani che hanno accettato la pena proposta da Mangelsdorf sono una quindicina, tutti di età compresa tra i 15 e i 17 anni.


Ognuno di loro ha dovuto leggere interamente uno dei quattordici titoli selezionati dal tribunale e dai servizi sociali: oltre a «Cercando Alaska», «La fabbrica del male» e «Vinterviken» ci sono ad esempio «Die Ameisensiedlung» di Mirijam Günter, storia di una quindicenne che vive insieme alla madre alcolizzata in un quartiere difficile di periferia, o «Kurzer Rock» di Christina Wahldén, romanzo su una ragazzina violentata da due compagni di scuola un giorno che indossava una gonna molto corta. I ragazzi hanno dalle quattro alle sei settimane di tempo per leggerli. Subito dopo devono scrivere un tema per rispondere ad alcune domande. Segue infine un colloquio con un esperto dei servizi sociali che deve stabilire se la pena è stata sufficiente o no.


Il primo bilancio del progetto sembra positivo. Al posto delle 5 pagine di tema richieste dai servizi sociali un ragazzo ne ha consegnate per esempio 13, un altro, dopo aver scontato la sua punizione, ha deciso di scrivere un libro. Mangelsdorf non può che dirsi soddisfatto.

LEGGI LE ALTRE NEWS DALLA THAILANDIA ALLA MALASANITA'


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).