DAL MONDO11:50 - 23 aprile 2010

Adozioni, la Russia esclude gli Stati Uniti

Tutta colpa di una donna, Torry Hansen

di Ferdinando Cotugno
<p>Adozioni, la Russia esclude gli Stati Uniti</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

Torry Hansen, aspirante madre di 33 anni del Tennessee, Stati Uniti, è in questo momento una delle donne più odiate in Russia. Il presidente russo Dmitry Medvedev l'ha definita «mostruosa» e tra i due paesi è in atto una piccola crisi diplomatica, tutte le pratiche di adozione di bimbi russi da parte di famiglie americane sono state sospese.

Cosa ha fatto Torry Hansen per meritare tanta acrimonia? Ha adottato un bambino di 7anni, gli ha dato un nuovo nome - Justin - e un nuovo Paese, gli Stati Uniti.

A un certo punto però ha deciso che il compito era troppo faticoso, ha comprato un biglietto aereo al piccolo, lo ha messo su un volo di linea da solo, ha chiamato l'orfanotrofio e ha detto: «Ho rispedito indietro il figlio che avevo adottato, andatelo a prendere all'aeroporto di Mosca». Rispedito al mittente come un pacco postale.

Hansen non è tornata sui suoi passi, dal suo punto di vista la colpa sarebbe tutta dell'orfanotrofio: «Mi hanno mentito, mi avevano nascosto i suoi problemi psicologici, la sua violenza, non ce la facevo a prendermi cura di lui».

Ma nemmeno l'ambasciatore americano a Mosca, John Beyrle, ha potuto difendere la sua posizione: «Sono profondamente scioccato e molto arrabbiato con una famiglia che si è comportato in questo modo con un bambino di cui erano diventati, legalmente, i genitori».

Le adozioni sono state sospese per tutte le famiglie americane. Lo scorso anno, 1586 orfani russi erano diventati figli americani. Il 2010 si preannuncia un anno difficile per quelli che sono rimasti negli orfanotrofi.

LEGGI LE ALTRE NEWS DAI BABY CRIMINALI ALLA MALASANITA'


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Pierpaolo 77 mesi fa

Mai affidare un bambino ad una single. mai e poi mai. I rischi sono troppo grandi, anche se non sempre sono così plateali come nel caso americano.

Secondo me la perizia psicologica avrebbero dovuto farla a lei, non al bambino. Ma che, scherziamo, mandarlo come un pacco al mittente? Peccato non si possa rispedire al mittente anche una persona labile e crudele come la Hansen. Una così è meglio che non cresca bambini. Deve crescere lei, prima.

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).