DAL MONDO09:17 - 23 aprile 2010

Thailandia, è scontro tra esercito e camicie rosse

Ancora sangue nella notte a Bangkok

di staff Style.it
<p>Thailandia, è scontro tra esercito e camicie rosse</p>
PHOTO GETTY IMAGES

Notte di violenze in Thailandia. A Bangkok, esercito e camicie rosse sono arrivate allo scontro diretto. Tutto è cominciato quando alcune granate hanno tolto la vita a tre persone e provocato 75 feriti, tra cui molti thailandesi e qualche straniero.
Le autorità hanno accusato i rossi delle responsabilità delle esplosioni. E centinaia di poliziotti thailandesi in tenuta antisommossa li hanno attaccati, chiedendo anche di smantellare le barricate di bambù e pneumatici costruite pochi giorni fa nel centro della città.
I rossi, sostenitori del premier deposto Thaksin Shinawatra, negano il proprio coinvolgimento negli episodi di sangue della notte, e continuano a rifiutare qualsiasi compromesso con il premier thailandese in carica, Abhisit Vejjajiva.
Il governo ha annunciato l'arrivo di misure durissime: i «terroristi» saranno condannati a morte.
La tensione divampata nel Paese asiatico ormai sei settimane fa per chiedere nuove elezioni, non accenna a calmarsi.

> Leggi Thailandia, meglio pallottole che topi alla griglia

> Leggi Thailandia nel caos, politici in fuga

> Leggi Thailandia, la protesta del sangue

LEGGI LE ALTRE NEWS DAI BABY CRIMINALI ALLA MALASANITA'


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).