DALL'ITALIA08:47 - 26 aprile 2010

Caso Claps, Restivo sospettato di altri delitti

Si riaprono il caso dell'Ansermin e di una coreana uccisa in Inghilterra

di staff Style.it
<p>Caso Claps, Restivo sospettato di altri delitti</p>

È indagato per l'omicidio di Elisa Claps, uccisa 17 anni fa a Potenza. E non solo.
Daniele Restivo, attualmente residente in Inghilterra, è sospettato anche di altri tre omicidi: Heather Barnett Jong-ok Shin, Erika Ansermin.


Jong-ok Shin: uccisa con tre coltellate nel giugno 2002, a Bournemouth in Inghilterra. Per questo omicidio venne accusato e condannato all'ergastolo, Omar Benguit.
A risollevare questo caso è stato il legale dell'uomo, Stefano Di Giovanni che ora chiede che vengano riaperte le indagini.
Secondo l'avvocato, ci sarebbero, infatti, molte attinenze tra l'omicidio di Elisa Claps, di Heather Barnett e quello di Jong-ok Shin: anche alla donna era stata tagliata una ciocca di capelli dopo essere stata accoltellata.

Anche Heather Barnett, la dirimpettaia inglese di Restivo, era stata uccisa a coltellate e anche lei stringeva in una mano una ciocca di capelli. E che Restivo abbia il vizio di tagliare ciocche di capelli a sconosciute è già cosa nota sia alla polizia italiana che a quella inglese.

Quarto caso: Erika Ansermin, la ragazza di Aosta di origini sud coreane adottata da una famiglia italiana, scomparsa misteriosamente il 23 aprile del 2003. Non si presentò all'appuntamento con il fidanzato e questo fece scattare l'allarme.

Giorni dopo,  la sua Panda verde v enne ritrovata poco distante dal fiume Dora, ma di lei nessuna traccia. E anche in questo caso sembrerebbe ricondurre a Daniele Restivo: una foto di Erika è stata trovata nel suo computer.
Non solo: Restivo ed Erika  hanno vissuto nello stesso periodo a Milano e a Londra.


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
rosac1 77 mesi fa

Questo caso é ricco di analogie inquietanti che devono far riflettere ...

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).