DALL'ITALIA08:55 - 27 aprile 2010

«Renzo Bossi venga a visitare il Sud»

Dopo l'intervista di Vanity, Matera lo invita per un tour, Napoli gli regala un raggio di sole

di Lavinia Farnese
<p>«Renzo Bossi venga a visitare il Sud»</p>

Renzo Bossi, il 22enne figlio minore del leader della Lega Umberto, rischia di ritrovarsi casa piena di inviti e di doni. E tutto grazie alle sue dichiarazioni a Vanity Fair: ha detto che non avrebbe fatto il tifo per l'Italia nei mondiali di calcio, e di non essere mai sceso in Italia più a sud di Roma.

Ed ecco che il sindaco di Matera, Salvatore Adduce (Pd), si offre di fargli da guida turistica, gratis, in un tour culturale tra i Sassi di Matera. «Gli racconterò della nostra storia millenaria», ha dichiarato. «E gli ricorderò che le auto degli italiani, e quindi anche la sua, usano il petrolio estratto in Basilicata».

Da Napoli, un'azienda partenopea produttrice di gadget manda al rampollo del Carroccio in un cofanetto il «raggio di sole di Napoli» ('na lenz' e sole), «la straordinaria luce della capitale del Mezzogiorno», realizzata con un particolare fibra ottica. Oltre a quella, per il figlio del Senatur c'è anche in costruzione una riproduzione della città: «Per insegnargli un po' di geografia», hanno detto.

Alle Regionali, il figlio di Umberto Bossi ha preso 13 mila preferenze a Brescia, diventando il più giovane consigliere eletto in Lombardia.

 


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI

Oltre che la faccia da trota c' ha pure un cervello da trota (senza offesa per le trote, ovviamente).

Che razza di ignorante. Se proprio non vuole essere Italiano che alla cittadinanaza rinunci lui, subito, e diamola a qualche extracomunitario che lavora per tutto il paese e paga le tasse per tutto il paese. E che certamente parla un italiano più corretto...

Marijana 80 mesi fa

ma da persone chiuse del Bresciano... che altro si poteva aspettsare... :(((

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).