DALL'ITALIA09:28 - 28 aprile 2010

Semafori truccati, 38 persone indagate

Milano. Si è chiusa l'indagine della Guardia di Finanza di Milano sui semafori truccati. Trentotto le persone accusate, tra sindaci e vigili urbani

di staff Style.it
<p>Semafori truccati, 38 persone indagate</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

Si è chiusa l'indagine della Guardia di Finanza di Milano sui semafori truccati. Trentotto le persone accusate, tra sindaci e vigili urbani, per i reati di associazione per delinquere e turbata libertà degli incanti per irregolarità nell'assegnazione degli appalti dei semafori «T-Red», ovvero quei dispositivi con la durata del giallo di pochi secondi che, di fatto, costringeva gli automobilisti a passare con il rosso. L'infrazione e la multa erano così assicurate.

L'indagine del pm Alfredo Robledo è partita da un esposto dei cittadini di Segrate, in provincia di Milano: tra il 16 novembre 2006 e il luglio 2007 sarebbero state notificate 50 mila multe per un totale di 2 milioni e 400 mila euro. Tutte destinate ad automobilisti passati con il rosso negli incroci della Cassanese su cui erano stati installati i T-Red.

Primo indagato, proprio il sindaco di Segrate Adriano Alessandrini, accusato di abuso d'ufficio e concorso con altri indagati. Il primo cittadino del comune lombardo avrebbe fatto installare dei T-red 24 ore su 24 senza che vi fosse una reale necessità, se non quella di arricchire le casse comunali.

Nell'indagine è emerso che alcuni degli accusati erano intervenuti nelle gare d'appalto di 35 comuni italiani nelle province di Milano, Como, Varese, Lodi, Mantova, Torino, Novara, Verona, Rovigo, Bologna, Modena, Ferrara, Livorno, Pisa, Firenze, Pistoia, Viterbo, Caserta, Benevento.

Nel procedimento penale l'associazione dei consumatori Codacons si è costituito parte civile e ha invitato tutte le persone che sono state multate in uno dei 35 comuni coinvolti ad aderire all'azione nell'inchiesta sui T-Red contattando la sede Codacons di Milano (codacons.milano@libero.it, tel. 02/29419096, 02/29419096).

LEGGI LE ALTRE NEWS


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).