DAL MONDO09:52 - 28 aprile 2010

La crisi greca in un minuto

Grecia con 30 miliardi di debiti, le borse europee tracollano

di Giorgio Dell'Arti
<p>La crisi greca in un minuto</p>
PHOTO GETTY IMAGES

Quest'anno la Grecia ha da saldare debiti per una trentina di miliardi e deve in particolare restituirne otto e mezzo il prossimo 19 maggio. Non ha i soldi e non li trova neanche sul mercato, a meno di pagare tassi d'interesse altissimi.

La salvezza risiederebbe in un piano di salvataggio approvato in prima istanza dalla Ue, che garantirebbe un prestito immediato di 30 miliardi, a cui il Fondo monetario internazionale ne aggiungerebbe altri 15.

Prima condizione per la concessione di queste somme: che la Grecia ne faccia ufficialmente richiesta. La Grecia ne ha fatto ufficialmente richiesta giovedì 22 e a questo punto è cominciato un tormentone tedesco. In Germania, infatti, il 9 maggio vota il Nord Reno-Westfalia, la più importante regione di quel Paese, e la Merkel sa che i suoi concittadini vedono come il fumo negli occhi la Grecia e i suoi debiti, e non sono assolutamente disponibili a tirar fuori soldi.

Oltre tutto si sa che la parte tedesca del prestito (8,3 miliardi) sarebbe fatta rinunciando a sgravi fiscali promessi in campagna elettorale. Il rischio - molto concreto - è che la Grecia fallisca ed esca dall'euro. E che a questo punto precipiti la fiducia anche verso Paesi che si trovano in condizioni debitorie non troppo dissimili: Portogallo, Spagna e, forse, l'Italia.

Sarebbe a questo punto la fine della moneta unica, e infatti Tremonti si batte perché i soldi alla Grecia siano prestati, con l'argomento che l'incendio va spento prima che si propaghi alle case vicine, senza troppo discutere, in questa fase, su chi abbia colpa di cosa.

Lunedì 26 aprile, nella riunione del Fmi a Washington, è anche venuta fuori la notizia che si sta riscrivendo il trattato di Maastricht, per renderlo più duro verso i Paesi indebitati, e che forse sarà la Germania a piantare tutti per formare una nuova Ue con meno Paesi, ma più solidi.

Un processo che potrebbe avere per l'Italia un effetto dirompente, dato che il nostro Nord è certamente solido e virtuoso nel senso tedesco, mentre il Sud...

Martedì 27 aprile l'agenzia internazionale Standard And Poor's annuncia un declassamento di giudizio sull'affidabilità economica della Grecia a livello "spazzatura". Un'operazione che getta nel panico le Borse del Vecchio Continente, che in un giorno bruciano circa 160 miliardi di euro di capitalizzazione.

LEGGI LE ALTRE NEWS


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).