DALL'ITALIA08:51 - 28 aprile 2010

Vulcani: Napoli nella «zona rossa»

È dal 1944 che non si fa sentire, ma secondo i vulcanologi il Vesuvio potrebbe tornare a eruttare.

di staff Style.it
<p>Vulcani: Napoli nella «zona rossa»</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

È dal 1944 che non si fa sentire, ma secondo i vulcanologi il Vesuvio potrebbe tornare a eruttare. Sì, perché, secondo gli esperti, il vulcano che 64 anni fa uccise 26 persone sarebbe  già in ritardo rispetto ai suoi cicli abituali.

Meglio mettersi ai ripari, allora, visti i recenti avvenimenti che hanno visto protagonista l'Eyjafjallajokull, in Islanda. Il capo della protezione civile, Guido Bertolaso, ha già messo in conto un eventuale risveglio del vulcano e, per questo, ha inserito Napoli  tra le città della «zona rossa», ovvero in pericolo,  con tanto di piano di evacuazione che riguarderebbe almeno un milione di persone.

Pare, infatti, che un'eventuale esplosione del Vesuvio potrebbe sollevare una colonna di fumo e lapilli di 20 chilometri. Senza contare che l'eruzione potrebbe causare una serie di terremoti paragonabili a quelli che, l'anno scorso, hanno coinvolto l'Abruzzo. Per il momento, però, non c'è nessuna emergenza in vista e il Vesuvio non accenna a voler uscire dalla sua «fase di quiescenza».

 

> Speciale vulcano

 

LEGGI LE ALTRE NEWS


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).