DALL'ITALIA08:15 - 29 aprile 2010

Afef nerazzurra: «I miei eroi in finale»

Remuntada fallita: il Barcellona non ce l'ha fatta a rimontare

di Afef Jnifen
<p>Afef nerazzurra: «I miei eroi in finale»</p>
PHOTO KIKA PRESS

Remuntada fallita. Il Barcellona non ce l'ha fatta a rimontare il 3 a 1 che l'Inter gli ha inflitto lo scorso 20 aprile a San Siro. Ha vinto 1 a 0, ma non è bastato. Ed è servito solo a farmi venire un mezzo accidente sul divano di casa, con il mio barboncino Alik che ha abbaiato dalla tensione per due ore. E io ho gridato più di lui.


Tra l'altro, adesso che mi hanno spiegato che se un'azione inizia con un attaccante oltre la linea creata dai difensori c'è un fallo, posso dire che era un gol in fuorigioco. Quindi non valido.

Comunque è stata dura per tutti noi tifosi nerazzurri che ora ci godiamo la finale (a Madrid il 22 maggio) che gli eroi di quel genio sregolato dell'allenatore José Murinho ha saputo forgiare. Grazie per quella che lei chiama: «La mia piccola contribuzione».

È stata dura per il mio amico Massimo Moratti che credo abbia fatto un voto: «Se per tutta la partita, seduto in tribuna affianco a Joan Laporta, presidente del Barça, sto fermo e zitto, l'Inter vincerà». Grazie Massimo. Ce l'hai fatta: abbiamo vinto. Grazie e sii fiero, tuo padre Angelo lo sarebbe di te.

Credo che al Barcellona sia andata pure bene. Già perché i campioni in carica di tutto, di Spagna, d'Europa, del Mondo, se avessero passato il turno avrebbero fatto la figura dei «Ladrones». Sarebbe stato un risultato rubato perché l'Inter ha giocato in 10 per tre quarti della partita a causa dell'ingiusta espulsione di Thiago Motta. Un episodio che ci ha fatto soffrire.

Un errore dell'arbitro belga Frank De Bleeckere che si è fatto raggirare dall'atteggiamento bugiardo e scorretto di un certo Busquets che ha fatto una sceneggiata indegna di uno sportivo. Così scorretto che le telecamere di Sky (la prova tv ha un senso) lo hanno smascherato, mostrando il suo occhio furbo tra le mani giunte in volto che fingono il dolore.
Complimenti a Samuel che ha annullato un altro argentino come lui, Lionel Messi. Che delusione Messi. Sul campo e fuori. Saluti e baci a Zalatan Ibrahimovic che si è trovato al momento giusto nella squadra sbagliata.

Complimenti a tutti i ragazzi dell'Inter. E ci metto anche il mio Marco (Tronchetti Provera), che torna ragazzo allo stadio. E vederlo sorridere è una gioia che scalda il cuore. Un ultima cosa: spero che questa vittoria abbia insegnato come si sta in campo a quell'uomo che vuol fare il ragazzo che si chiama Mario Balotelli. Spero che domenica sera, contro la Lazio, giochi e faccia del suo meglio per essere all'altezza dei suoi compagni: gli eroi di Barcellona.

LEGGI LE ALTRE NEWS


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Aldamar 80 mesi fa

Adesso capisco come vi siete sentiti negli ultimi vent'anni :( Vediamola in positivo: il mio Milan di questo passo diventerà presto la squadra più simpatica d'Italia.

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).