DALL'ITALIA10:37 - 30 aprile 2010

Video, presunto pestaggio in caserma

Un video riprende alcune fasi di un (presunto) pestaggio ai danni di alcuni giovani avvenuto in una caserma dei carabinieri di Ferrara, in via del Campo. Nelle immagini si vedono due persone che cadono a terra, forse colpite, circondate da alcuni carabinieri in divisa.

di Greta Privitera
<p>Video, presunto pestaggio in caserma</p>

Un video riprende alcune fasi di un (presunto) pestaggio ai danni di alcuni giovani avvenuto in una caserma dei carabinieri di Ferrara, in via del Campo. Nelle immagini si vedono due persone che cadono a terra, forse colpite, circondate da alcuni carabinieri in divisa. E poi un altro fermato nudo, avvolto in una coperta e portato via dal personale di pronto soccorso sanitario. Luigi Manconi, dell'associazione A buon diritto, che ha postato il video, parla di un nuovo «caso di violenza».

Il video è entrato adesso nel fascicolo dell'inchiesta aperta dalla procura di Ferrara per lesioni contro un carabiniere e per resistenza a pubblico ufficiale contestata ai quattro giovani. Il filmato riguarda i fatti accaduti il 24 febbraio scorso (e riferiti allora da mezzi di informazione) quando i quattro, dopo essere stati arrestati in stato di ebbrezza per resistenza a pubblico ufficiale, furono trattenuti per ore in caserma. «Ma uno dei fermati»,  spiega Manconi,, «ha subìto pesanti maltrattamenti e violenze e colpi inferti con manganello.

Le immagini, riprese da una telecamera di sorveglianza installata nei locali della caserma, sono impressionanti: un giovane uomo, ammanettato, totalmente inoffensivo e non in grado di difendersi, viene aggredito, colpito con lo sfollagente, buttato per terra. Proverà a rialzarsi per due volte e per due volte verrà colpito. Senza che alcuno gli presti soccorso. Si tratta, di una persona affidata a un apparato dello Stato, che ne deve garantire l'incolumità».

 


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).