DALL'ITALIA18:06 - 30 aprile 2010

Siena, coppia di donne avrà un bambino

Dopo l'inseminazione artificiale in Danimarca

di Lavinia Farnese
<p>Siena, coppia di donne avrà un bambino</p>
PHOTO GETTY IMAGES

Margherita e Sara sono compagne e amanti, vivono insieme a Siena, e avranno un bambino. Lo volevano da tempo. Per averlo sono andate in Danimarca, primo Paese a introdurre nel 1989 il matrimonio tra omosessuali, e a decidere nel 2006 che anche le coppie gay e le donne sole hanno diritto ad avere un bambino attraverso l'inseminazione artificiale. Lì, Margherita e Sara hanno fatto l'inseminazione artificiale.

Il Corriere di Siena racconta la storia di queste due donne che ora in Italia dovranno portare avanti questa gravidanza, e crecere questo figlio in una società «non abituata». «Il bambino che avremo è fortemente voluto», racconta Sara, «e sarà amato da due persone che a loro volta si amano».

Le reazioni, finora in ambito locale, non sono mancate: a Siena si chiedono come si troverà questo figlio a scuola, come verrà accolto dai compagni di scuola, se non gli mancherà un padre.

«Esistono al mondo troppi bambini non voluti e poco amati che avendo un padre ed una madre sono più accettati rispetto al nostro», rispondono loro.

 

LEGGI LE ALTRE NEWS


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
EVELIN 65 mesi fa

hai detto bene orsetta, rispetto! questa è la parola giusta. le coppie omosessuali non vogliono assolutamente convincere nessuno ma vogliono solo il rispetto delle loro scelte! su questo argomento si possono aprire infinite discusioni pro e contro, e ciascuno di noi porterebbe in campo le proprie ragioni.. tutte discutibili perchè non c'è la verità assoluta!

orsetta 76 mesi fa

non mi sento pronta aad accettare questa nuova visione del mondo forse perchè di radici cattoliche,sono contraria al matrimonio tra omosessuali.forse il miglior atteggiamento è rispettarli e lasciare la loro libertà.orsetta

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).