DAL MONDO13:01 - 03 maggio 2010

Fallito attentato a New York: è caccia all'uomo

Dopo il fallito attacco di Time Square parte la caccia all'uomo

di Greta Privitera
<p>Fallito attentato a New York: è caccia all'uomo</p>
PHOTO GETTY IMAGES

Negli Stati Uniti è scattata la caccia all'uomo. «Giustizia sarà fatta», ha detto il presidente Barack Obama dalla Louisiana a proposito del fallito attentato a Time Square. La polizia sta ricercando un bianco sulla quarantina che è stato visto allontanarsi in modo furtivo in un video ripreso dalle 80 telecamere di sorveglianza. Dentro il suv parcheggiato malamente sulla 45esima strada c'erano tutti gli ingredienti per un ordigno amatoriale che  esplodendo, secondo la polizia, avrebbe trasformato il veicolo in «una palla di fuoco».

A New York il capo della polizia, Ray Kelly, dà poca credibilità alla rivendicazione dell'organizzazione di Talebani pachistani, Tehrik-e-Taliban, e confermato invece che la polizia sta seriamente pensando che l'attentato fosse mirato contro la Viacom, la casa produttrice del cartone animato South Park, al centro delle polemiche islamiche per aver mostrato l'immagine di Maometto travestito da orso.

Proprio le minacce arrivate in questa occasione da un sito islamico radicale newyorchese fa pensare che l'autobomba fosse pensata proprio contro la società, visto che i suoi uffici si trovano tra la 45esima e Broadway.

Anche il sindaco di New York, Michael Bloomberg,esprime i suoi dubbi su un collegamento diretto con Al Qaeda: «Non ci sono prove che l'episodio sia legato ad Al Qaida o ad altre organizzazioni terroristiche importanti. Sappiamo tutti che nel mondo c'è chi considera New York un bersaglio da colpire, il più bel bersaglio del mondo. Ma non permetteremo che queste persone vincano. La gente si sente sicura a New York e vuole continuare a venirci».

 

 

LEGGI LE ALTRE NEWS


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).