DAL MONDO10:51 - 03 maggio 2010

Facebook, mercato nero dei profili

I ladri virtuali offrono gli account ad un prezzo che varia da 25 a 45 dollari americani

di Angelo Sarasi
<p>Facebook, mercato nero dei profili</p>
PHOTO GETTY IMAGES

Anche Facebook finisce sul mercato nero, quello virtuale. Secondo i ricercatori di VeriSign's, la più importante società che fornisce servizi servizi di sicurezza cibernetica, sfiorano il numero di un milione e mezzo gli account sul social network più famoso del mondo rubati dagli hacker e messi in commercio su alcuni siti. Usando l'appellativo di «kirllos», i ladri virtuali offrono account di facebook ad un prezzo che varia da 25 a 45 dollari americani a seconda del numero di amici posseduti dal titolare scippato dell'account.

Per Rick Howard, direttore del reparto di spionaggio cibernetico di  Verisign's, «si tratta di un mercato in rapidissima espansione, soprattutto negli Stati Uniti che si compie attraverso il furto delle password o inviando malware per accedere nei pc. Lo scopo è quello di inviare spam, o programmi di sesso a pagamento o compiere altre frodi». E ovviamente facebook, in virtù dell'alto livello di fiducia esistente all'interno di ciascuna catena di amicizie, è molto appetito dagli autori di frodi. Molto frequente è anche il furto dell'identità, facilitato dalle innumerevoli informazioni personali che sono contenute in ciascun profilo.


L'estate scorsa, ad esempio, dall'account su facebook dell'americana Eileen Sheldon's partì la richiesta di ricevere aiuto in denaro con la motivazione, fittizia, di essere stata derubata durante un soggiorno in Gran Bretagna. Gli amici risposero mandando soldi nelle modalità indicate. Facebook sostiene di possedere strumenti sofisticati per impedire questo fenomeno ma evidentemente non bastano per blindare gli account.

LEGGI LE ALTRE NEWS


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).