DALL'ITALIA15:31 - 03 maggio 2010

Orso Dino: cacciato dagli allevatori, amato su facebook

L'orso in Veneto spaventa gli allevatori ma su facebook hanno aperto una pagina personale in suo supporto

di Greta Privitera
<p>Orso Dino: cacciato dagli allevatori, amato su facebook</p>

Scientificamente lo chiamano con la sigla M-5, ma ormai per tutti è l'orso Dino, in omaggio alle terre bellunesi che furono di Buzzati, dove ha cominciato a far parlare di sé per le sue prime scorribande. Sta facendo disperare contadini e allevatori di varie aree del Veneto, che non riescono a difendere il bestiame dai suoi appetiti nonostante venga controllato nei suoi spostamenti grazie ad un radio collare che permette via satellite di tracciarne i movimenti. Arrivato dal Trentino, Dino ha cominciato a fare merenda soprattutto fra Belluno e Vicenza ed è proprio in quest'ultima provincia che ha deciso di trattenersi più a lungo del previsto.

Spinto a quote basse alla ricerca di cibo, visto che la neve non accennava a sciogliersi sopra quota 1500, in questi giorni Dino sembra prediligere l'area dell'Altopiano di Asiago. E ha sbranato tre asini - due erano femmine in attesa di partorire - cercando poi di fare lo stesso con due cavalle, anche queste in gravidanza, che nella fuga avrebbero perso i piccoli. 

E su facebook i suoi sostenitori hanno aperto una pagina dedicata all'animale. Il timore, per gli affezionati, è che Dino decida di fare rotta verso l'estero, magari in Germania, dove rischierebbe di fare la fine del suo altrettanto celebre collega Bruno che, fuggito da un centro di reinserimento in Alto Adige, fece strage di animali lungo il cammino finché non mise piede oltreconfine dove trovò ad attenderlo un colpo di fucile.

 

LEGGI LE ALTRE NEWS


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
eugenio 79 mesi fa

speriamo che possa vivere tranquillo in liberta' senza nessun problema.

maria 79 mesi fa

beh speriamo non gli succeda nulla!

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).