DALL'ITALIA13:06 - 04 maggio 2010

Prosperini patteggia la pena: 3 anni e 5 mesi

Approvato l'accordo di patteggiamento raggiunto dal politico con la procura di Milano, in relazione al giro di tangenti sulla promozione televisiva del turismo che lo ha visto coinvolto, con le accuse di corruzione, turbativa d'asta e truffa.

di Greta Privitera
<p>Prosperini patteggia la pena: 3 anni e 5 mesi</p>
PHOTO KIKA PRESS

«È un patteggiamento silenzioso, senza ammissioni», afferma l'ex assessore regionale lombardo Pier Gianni Prosperini prima di entrare nell'ufficio del giudice di Milano, Gloria Gambitta, che ha approvato l'accordo di patteggiamento raggiunto dal politico con la procura di Milano, in relazione al giro di tangenti sulla promozione televisiva del turismo che lo ha visto coinvolto, con le accuse di corruzione, turbativa d'asta e truffa.

Prosperini ha patteggiato una pena di 3 anni e 5 mesi di reclusione. «Come stiamo? Stiamo bene», ha detto ai cronisti l'ex assessore del Pdl, che il 25 marzo scorso ha tentato il suicidio mentre si trovava a casa agli arresti domiciliari. «Siamo un po' esterrefatti e toccati colpiti e offesi, così siamo».

«Da ora in poi mi dedicherò al volontariato per i meno fortunati, i disabili e per chi ha difficoltà motorie, attraverso l'ippoterapia in cui credo molto», ha poi aggiunto l'ex assessore, all'uscita. E la politica? «Per un po' niente politica», ha ribadito l'ex assessore, aggiungendo che il suo non è un «no» definitivo, ma che «sarà difficile tornare» in questo campo.

L'occasione di rendersi utile si è presentata subito: mentre si preparava a lasciare il Palazzo di Giustizia dopo aver salutato i giornalisti, si è imbattuto in una donna che si era sentita poco bene nei corridoi del primo piano. Prosperini, con la sua esperienza di medico, ha notato la donna svenuta e si è fermato a prestarle soccorso.

LEGGI LE ALTRE NEWS


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).