DAL MONDO14:45 - 07 maggio 2010

Droni Cia, licenza di sparare agli sconosciuti

Gli aerei militari senza pilota che operano in Pakistan avranno il permesso segreto di aprire il fuoco su persone sospette

di Giulia Pacchioli
<p>Droni Cia, licenza di sparare agli sconosciuti</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

I droni della Cia, gli aerei militari senza pilota comandati a distanza che operano in Pakistan, avrebbero ottenuto segretamente il permesso di aprire il fuoco su persone sospette anche se non sono identificabili e non compaiono in nessuna lista ufficiale.

La notizia, riportata dal Los Angeles Times e attribuita a fonti governative dell'antiterrorismo, fa rientrare questa  direttiva tra le misure di intensificazione della lotta al terrorismo nella regione di confine del Pakistan approvate due anni fa dall'amministrazione Bush e successivamente confermate dal presidente Obama.

Per identificare gli obiettivi la Cia avrebbe il permesso di fidarsi solo dell'analisi del «pattern of life», il modello di comportamento basato sulle informazioni raccolte dalle telecamere di sorveglianza montate sul velivolo senza pilota o da altre fonti.

L'individuo che risulta sospetto diventa così un obiettivo militare, anche se non se ne conosce il nome. In precedenza, la Cia poteva aprire il fuoco solo contro individui i cui nomi si trovavano in un elenco approvato.

LEGGI LE ALTRE NEWS


Tags:
Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).