DAL MONDO10:16 - 08 maggio 2010

Piano Ue per salvare l'euro dopo il crollo delle borse

Vertice straordinario a Bruxelles

di staff Style.it
<p>Piano Ue per salvare l'euro dopo il crollo delle borse</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

Dopo il nuovo crollo dei mercati europei di ieri, venerdì, sempre sull'onda della crisi greca, l'Ue si attrezza per salvare l'euro. E lo fa con un «piano straordinario» per dare stabilità ai Paesi che sono più a rischio di contagio dalle gravi difficoltà dell'economia di Atene (in primo logo Spagna e Portogallo).

Il piano è stato elaborato dai 16 Paesi dell'area euro in un vertice straordinario tenuto ieri sera a Bruxelles, il secondo della storia della moneta unica dopo quello tenuto a Parigi nel 2008 per salvare il sistema bancario.

Il vertice si è tenuto in un clima molto teso, con il presidente della Banca centrale europea (Bce), Jean-Claude Trichet, che ha parlato esplicitamente di «una crisi di sistema». «Siamo in un momento di emergenza», ha commentato anche il premier italiano Silvio Berlusconi.

La linea da tenere era stata concordata dal cancelliere tedesco, Angela Merkel, per telefono anche con il presidente americano, Barack Obama. L'obiettivo è fermare la speculazione sulla moneta unica, partita dalla crisi dell'economia greca e dalle difficoltà di Portogallo e Spagna.

Domani, domenica, ci sarà il via libera della Commissione europea alle misure. Il piano punta su interventi rapidi della Bce per creare una rete di sicurezza nei momenti critici. Come quello attraversato ieri, in una seconda giornata consecutiva di panico delle Borse europee che hanno bruciato 183 miliardi in un giorno (in quattro giorni si è già arrivati a 400). Milano ha chiuso a -3,27%, Parigi a -4,6%, Francoforte a -3,27% e Londra a -2,62%.

LEGGI LO SPECIALE SULLA CRISI GRECA

LEGGI LE ALTRE NEWS


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).