DALL'ITALIA15:02 - 09 maggio 2010

Nube vulcano, riaperto lo spazio aereo nel Nord Italia

Migliora la situazione negli aeroporti

di staff Style.it
<p>Nube vulcano, riaperto lo spazio aereo nel Nord Italia</p>

Lo spazio aereo del Nord Italia è stato riaperto, come aveva annunciato l'Enac. L'Authority per l'aviazione civile, a causa dell'evolversi della situazione della nube determinata dall'eruzione vulcano islandese Eyjafjallajokull, aveva disposto la chiusura di alcuni aeroporti del Nord Italia fino alle 14. I primi scali a riaprire sono stati quelli di Genova e Orio al Serio.

EUROCONTROL - I voli transatlantici continuano però a subire disagi nonostante il graduale miglioramento della situazione. Un bollettino dell'Ente europeo per la sicurezza dei voli, sottolinea che gli aerei sull'Atlantico sono costretti a modificare le rotte per evitare le zone coperte dalla cenere e questo comporta alcuni ritardi, ma non cancellazioni massicce.

PREVISIONI -  Studi del Vaac (Centro di controllo europeo delle polveri vulcaniche) hanno stabilito che dalle 18 di oggi, la nube comicerà a diradarsi e lascerà gran parte dell'Italia e, alle 2 di notte, «i cieli italiani saranno completamente sgombri dalle ceneri vulcaniche». Intanto la nube si trasferirà verso gli Stati balcani e la Grecia, allungandosi verso est e sud-est, ma anche verso nord, dilatandosi su Austria, Germania e, di nuovo, alla Francia, «seguendo le linee del cuneo di alta pressione che si è formato sull'Italia».

ADUSBEF E FEDERCONSUMATORI - Tutti i passeggeri coinvolti da ritardi e cancellazioni del proprio volo hanno diritto al rimborso del prezzo del biglietto e, se possibile, all'imbarco su un volo alternativo. Lo ricordano in una nota le associazioni dei consumatori.

 

SEGUI LO SPECIALE SULLA NUBE ISLANDESE


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).