DALL'ITALIA16:05 - 11 maggio 2010

Che fine ha fatto Massimo Tartaglia?

Nel tardo pomeriggio del 13 dicembre scorso Massimo Tartaglia, incrocia la vita di Silvio Berlusconi

di staff Style.it
<p>Che fine ha fatto Massimo Tartaglia?</p>
PHOTO GETTY IMAGES

Nel tardo pomeriggio del 13 dicembre scorso, in piazza del Duomo a Milano, un uomo di 42 anni, Massimo Tartaglia, incrocia la vita di Silvio Berlusconi e prova a cambiarla tirandogli addosso una replica per turisti della cattedrale, piccola ma pesante: il presidente del Consiglio sta per lasciare la piazza, la manifestazione elettorale è stata un festoso bagno di folla.

Tartaglia ha gioco fin troppo facile ad avvicinarsi oltre il dovuto. Il giorno dopo giornali e Tv sono pieni delle immagini del volto di Berlusconi ferito: è una maschera di sangue. Alle 22 del 13 dicembre il procuratore aggiunto di Milano, Armando Spataro,  capo del pool antiterrorismo, ne conferma l'arresto con l'accusa di lesioni pluriaggravate dalla qualifica di pubblico ufficiale della parte  offesa e dalla premeditazione, un reato che prevede condanne dai 3 ai 7 anni. Alle 23.15 i fan di Tartaglia su Facebook sono 24.356.

Berlusconi è al San Raffaele.  E, sebbene i medici affermino che sia «provato più psicologicamente che fisicamente », rimarrà ricoverato per quattro giorni (uscirà il 17 dicembre con un vistoso cerotto sul volto sotto il quale non rimarrà alcuna cicatrice). Tartaglia invece finisce in cella, a San Vittore. Seguirà il perdono per Tartaglia, ma soprattutto la nascita del virtuale e fortunato «Partito dell'amore», sulle ali del quale il fondatore del Pdl vincerà le elezioni il 30 marzo.

Continua...

L'articolo completo  su Vanity Fair n.19/2010 in edicola da mercoledì 12 maggio.

Fonte[ Vanity Fair ]

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).