DALL'ITALIA12:54 - 11 maggio 2010

Uccide la moglie con 30 coltellate davanti all'assistente sociale

L’ha uccisa all'improvviso al termine di un tranquillo colloquio di fronte all'assistente sociale

di Greta Privitera
<p>Uccide la moglie con 30 coltellate davanti all'assistente
sociale</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

L'ha uccisa all'improvviso, con trenta coltellate a freddo, di fronte all'assistente sociale che da due anni seguiva la loro separazione. Così alcuni testimoni descrivono il delitto avvenuto questa mattina nel Torinese: la vittima, una donna di 33 anni assassinata dal marito, di 38.

L'uomo ha estratto il coltello all'improvviso e si è accanito sulla moglie con tranta coltellate. Poi è tornato a sedersi e ha aspettato l'arrivo dei carabinieri che lo hanno arrestato. «Conoscevamo quella coppia da tempo», raccontano al centro a cui la coppia si rivolgeva, «non era la prima volta che venivano qui. Sembrava un colloquio come tanti altri, la discussione era tranquilla».

LEGGI LE ALTRE NEWS


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
victor 76 mesi fa

Si dirà che era il solito pazzo violento per fortuna “isolato”. Nessuno si chiederà quanti diventano “pazzi” davanti alla prospettiva di perdere di fatto la casa, il minimo per sopravvivere ma SOPRATUTTO I FIGLI (specialmente quando si intravedono i primi segnali una volontà di ostacolare il rapporto con essi). La separazione non deve essere un affare per nessuno: -Casa ai figli e genitori vi si alternino 4-8-12 mesi. Che ognuno assaggi cosa significa essere estromesso da casa e dalla vita dei figli. La parità è una! La parità non è “PARITA’ QUANDO CONVIENE”! Se quest’uomo avesse potuto intravedere per sé un trattamento paritario con la moglie, non sarebbe impazzito, come non era impazzito fino a prima.Questi sono morti ammazzati innanzitutto dalle insopportabili ingiustizie; purtroppo ce ne saranno ogni giorno.

mamj 76 mesi fa

i diritti sono di tutti , ma qui è stato violato il più elementare quello alla vita , non mi riferisco solo a quella persa in modo tragico , ma quella rovinata di due famiglie e visto che so chi sono di due splendide bimbe che hanno già sofferto in passato e ora hanno come mamma un angelo ciao CRI !

gianfranco 76 mesi fa

Una legge del 2006 sull'affido condiviso non viene applicata dai giudici (il 90% delle separazioni si concludono con l'affidamento di fatto alle sole mamme), dal 1989 é nota la sindrome pAS (alienazione genitoriale) dove un genitore squalifica l'altro manovrando i figli (di solito la madre), il 98,2 % dei bambini uccisi sono uccisi dalle madri, decine di migliaia di padri sono ridotti in miseria e senza neppure poter vedere i figli, sono umiliato da un sistema perverso...quando non vi é stato di diritto, quando regna l'ingiustiza é possibile che scattino meccanismi primordiali di aggressività, responsabile é lo Stato.

Giorgio 76 mesi fa

ok confermo email

Giorgio 76 mesi fa

Certe affermazuoni sono brutte a dirsi però questi drammi fanno parte di un grande malessere che purtroppo portano a queste situazioni non giustificabili

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).