DAL MONDO14:49 - 13 maggio 2010

Il miracolo dell'unico sopravvissuto di Tripoli (di 9 anni)

L'unico sopravvissuto nel disastro aereo avvenuto ieri a Tripoli

di Greta Privitera
<p>Il miracolo dell'unico sopravvissuto di Tripoli (di 9 anni)</p>
PHOTO GETTY IMAGES

Il suo nome è Ruben van Assouw, 9 anni, originario della cittadina di Tilburg nell'Olanda meridionale, l'unico sopravvissuto nel disastro aereo avvenuto ieri mattina all'aeroporto di Tripoli.

È stato riconosciuto dalla nonna e due familiari che sono partiti con un volo di stato per raggiungere la Libia e confermare che si tratti proprio di lui. Nello schianto dell'Airbus A330-200 dell'Afriqiyah Airways costato la vita a 103 persone, Ruben ha perso il fratello maggiore e i genitori. Erano partiti da Johannesburgh per tornare a casa dopo un safari in Sudafrica per festeggiare l'anniversario di matrimonio.

Ha diverse fratture alle gambe ma sta bene fanno sapere i medici. La nonna, An van de Sand, ha detto al giornale olandese Brabants Dagblad di non essere ancora riuscita a rendersi conto in pieno della tragedia: «Non riusciamo a capire, ci sentiamo come se fossimo in un film». Insieme con uno zio e una zia di Ruben, è arrivata a Tripoli dall'Olanda una squadra di medici legali che dovrà dare un nome alle decine di vittime olandesi del disastro.

Secondo le ultime informazioni diffuse dalla Afriqiyah Airways, a bordo dell'Airbus volavano 58 olandesi, 6 sudafricani, due libici, due austriaci, un tedesco, un francese, due britannici e un cittadino dello Zimbabwe.

Tra le vittime c'e' anche la scrittrice sudafricana Bree O'Mara, autrice del romanzo di successo Home Affairs. Era diretta a Londra dove avrebbe dovuto firmare il contratto per il suo secondo romanzo. Con lei viaggiava anche il fratello di un deputato sudafricano dell'opposizione, Anchen Dreyer.

GUARDA LA FOTOGALLERY

LEGGI LE ALTRE NOTIZIE


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).