DAL MONDO08:29 - 16 maggio 2010

New York, vietati i parti in casa

Dopo la chiusura di un ospedale che li garantiva a norma di legge

di staff Style.it
<p>New York, vietati i parti in casa</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

A New York non è più possibile partorire in casa. La colpa è della chiusura per bancarotta di un ospedale, il Saint Vincent's Catholic Medical Center di Manhattan, all'avanguardia nel settore dell'ostetricia e della ginecologia. La struttura era l'unica a garantire la formazione e a rilasciare l'autorizzazione alle ostetriche per aiutare le mamme a far nascere i figli nel proprio appartamento. A New York sono 13 le ostetriche in grado di praticare il parto in casa, ma in base a una legge del 1992 queste levatrici devono essere autorizzate da un ospedale o un ginecologo e il St. Vincent, aperto 160 anni fa, era rimasto l'ultimo a garantire il loro lavoro secondo la legge. «Siamo dispiaciuti di questa chiusura, ma non siamo riusciti a trovare sponsorizzazioni necessarie per sopravvivere», ha detto Alfred E. Smith IV, manager dell'ospedale. A New York, popolata da circa otto milioni di abitanti, i parti in casa erano praticati dallo 0,48% delle mamme, pari a 600 bambini nati all'anno, su 125mila.


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).