DAL MONDO10:07 - 16 maggio 2010

Nube, in difficoltà i cieli d'Irlanda e Inghilterra

Nube, in difficoltà i cieli d'Irlanda e Inghilterra

di staff Style.it
<p>Nube, in difficoltà i cieli d'Irlanda e Inghilterra</p>
PHOTO INFOPHOTO

A causa della nube di cenere del vulcano islandese di Eyjafjallajökull, in Irlanda i voli da e per Belfast e altre zone del Nord sono bloccati dalle 6 alle 12 (8-14 italiane). Il ministro dei trasporti inglese Philip Hammond ha annunciato che potrebbero essere chiusi temporaneamente anche gli aeroporti londinesi di Heathrow e Stansted. Hammond precisa anche che l'aeronautica inglese sta approntando una mappatura satellitare dei cieli europei per dare previsioni sullo spostamento della nube sui cinque giorni e aiutare così le compagnie aeree inglesi e internazionali.

BRITISH AIRWAYS - Hammond è impegnato a dare un ulteriore aiuto alla compagnia inglese British Airways con un intervento nella disputa tra la compagnia e i sindacati, in modo da evitare i 20 giorni di sciopero del personale di cabina, indetti nelle prossime quattro settimane. Il ministro dei Trasporti incontrerà separatamente azienda e sindacati. L'Acas, l'autorità di arbitrato, fa poi sapere che le due parti hanno concordato un negoziato per domani.

RYANAIR - Per quanto riguarda la compagnia irlandese Ryanair, l'Enac (Ente Nazionale per l'Aviazione Civile), comunica di aver multato la compagnia per 3 milioni di euro. La Ryanair, ha detto l'Enac, «ha violato in 178 casi gli obblighi di assistenza ai passeggeri stabiliti dalla legge in caso di cancellazione del volo». Le contestazioni riguardano casi successi tra 17 e 22 aprile, soprattutto all'aeroporto di Campino, a Roma, quando furono cancellati voli per il blocco aereo dopo l'eruzione del vulcano islandese.



Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).