DALL'ITALIA08:32 - 17 maggio 2010

Positano, mamma salva il figlio e annega

È riuscita a mettere in salvo il figlio di 12 anni finito in mare

di Greta Privitera
<p>Positano, mamma salva il figlio e annega</p>

È riuscita a mettere in salvo il figlio di 12 anni finito in mare, ma le onde l'hanno travolta ed è morta annegata. È accaduto nella notte tra sabato e domenica a Positano (Salerno). La vittima è una donna statunitense, Ann Sherry Duncam, di 48 anni, residente a Napoli perché sposata con un ingegnere aeronautico anche lui americano.

Era da poco trascorsa la mezzanotte, la donna assieme al figlio e ad un'amica, era sul molo a osservare il mare in tempesta. In un video amatoriale, girato con un telefono cellulare, si vedono chiaramente gli ultimi istanti prima della tragedia: sulla banchina tre persone, un'onda più alta delle altre li travolge. Le due donne riescono a mantenere l'equilibrio, il ragazzino, colto di sorpresa, finisce in acqua.

Nelle immagini si vede la mamma lanciarsi in mare, mentre l'amica corre verso la terra ferma, per chiedere aiuto. Le immagini durano meno di un minuto. La concitazione del momento prende il sopravvento sull'operatore amatoriale, che abbassa il telefonino.

«Appena abbiamo visto la scena ci siamo buttati in mare», dice Matteo Lucibello, un ragazzo presente durante la tragedia. «Ma ci siamo resi subito conto che la corrente era fortissima. Ci hanno lanciato delle funi e un salvagente che abbiamo usato per sostenerci, e quando una fune si è spezzata abbiamo rischiato di essere travolti dalle onde anche noi».

I ragazzi sono riusciti a riportare il bambino a riva e salvarlo. Per alcune ore sono andate avanti le ricerche del corpo della donna, ritrovato non molto lontano dal luogo della tragedia.

 

 

LEGGI LE ALTRE NEWS


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).