DAL MONDO15:14 - 18 maggio 2010

La zia di Obama non è più clandestina

Il giudice ha accolto la richiesta di asilo politico di Zeituni Onyango

di staff Style.it
<p>La zia di Obama non è più clandestina</p>
PHOTO SPLASH NEWS

La notizia avrà fatto felice Obama. Finalmente Zeituni Onyango, la zia keniota del presidente Usa, non è più clandestina, e potrà così restare negli Stati Uniti. Lo ha deciso il giudice Leonard Shapiro, che ha accolto la richiesta di asilo politico della donna, che viveva illegalmente nel Paese da sei anni.

Secondo quanto riporta il sito della BBC, Zeituni Onyango, sorellastra del padre di Obama, aveva perso lo status di rifugiata politica nel 2004. La donna aveva vissuto da clandestina per qualche anno, ma aveva fatto nuovamente richiesta dopo che il suo caso era salito agli onori della cronaca nel 2008, durante la campagna elettorale del futuro presidente. Obama aveva preso le distanze dalla vicenda, dichiarando di non sapere nulla in proposito.

Oggi la vicenda arriva al lieto fine: la zia del presidente ha il permesso di vivere negli Stati Uniti. Uno dei suoi avvocati ha dichiarato che alla base della richiesta di asilo politico ci sono le condizioni di «violenza in Kenya».

LEGGI LE ALTRE NEWS


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).