DALL'ITALIA09:10 - 18 maggio 2010

Serial killer a Roma, indaga la squadra «cold case»

Sospetti su sette omicidi in due anni

di staff Style.it
<p>Serial killer a Roma, indaga la squadra «cold case»</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

Potrebbe esserci un serial killer dietro alcuni omicidi avvenuti a Roma. È quanto sostiene un servizio del TG5, nel quale si racconta che la squadra «cold case» (delitti irrisolti) della Questura di Roma, cioè quella che si indaga sui delitti irrisolti, avrebbe trovato un filo conduttore che legherebbe una decina di omicidi commessi negli ultimi mesi.

Il serial killer con molta probabilità agiva in ambito sanitario. È quanto si apprende da diverse fonti. Secondo indiscrezioni gran parte delle morti, classificate come incidenti domestici, avvenivano in strutture sanitarie. Molte delle morti sulle quali hanno indagato gli agenti della squadra speciale «cold case» erano state archiviate come decessi naturali per infarto o incidenti domestici.

Grazie alla biologia forense, all'informatica, alle analisi del Dna, quattro investigatori della III sezione omicidi sono riusciti a mettere insieme le tessere di un puzzle perse nel tempo e nello spazio di due anni, e non solo ad unire morti distanti fra loro ma a dare un nome e un volto al killer seriale. Delitti imperfetti dunque che sarebbero riconducibili tutti ad una stessa mano, quella di un killer astuto, freddo ma che si sarebbe però tradito. E adesso ha le ore contate: i poliziotti sanno chi è, lo tengono sotto controllo e non può sfuggire.

 

LEGGI LE ALTRE NEWS


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).