DALL'ITALIA19:12 - 24 maggio 2010

Show porno davanti a minorenni, arrestata Brigitta Bulgari

A inchiodare la pornostar, dei filmini caricati su Facebook

di Sara Tieni
<p>Show porno davanti a minorenni, arrestata Brigitta Bulgari</p>

Pornografia minorile e atti osceni in luogo pubblico: con queste accuse è finita in manette Brigitta Bulgari. A inchiodare la pornostar, dei filmini caricati su Facebook che attestavano che si era esibita in uno spettacolo hard in una discoteca aperta normalmente al pubblico. L'episodio è accaduto il 27 febbraio scorso in un locale a Fossato di Vico, in provincia di Perugia. Qui la Bulgari si sarebbe fatta palpeggiare e avrebbe coinvolto nel suo spettacolo ragazzi di 15, 16 e 17 anni.

La Bulgari è stata arrestata dai carabinieri al termine di una serata a Montebelluna, nel trevigiano, per poi essere rinchiusa nel carcere di Belluno. Insieme a lei sono indagate, al termine di un'indagine portata avanti dai carabinieri di Gubbio, altre due persone: il titolare del locale nel perugino e l'organizzatore della serata. La pornostar di origine ungherese, 27 anni (vero nome Brigitta Kocsis) è accusata di essersi esibita in uno spogliarello integrale sino ad arrivare a un'esplicita masturbazione, all'interno di un locale aperto al pubblico che non aveva l'autorizzazione per spettacoli di quel genere, nè aveva vietato l'ingresso ai minori di 18 anni. I ragazzi stessi inoltre sono stati coinvolti dalla pornostar, nella propria esibizione. Il tutto però è stato fotografato e filmato con i cellulari e finito nel noto social network. Le persone apparse nei video sono state così identificate e interrogate dai carabinieri, confermando i racconti scioccati di alcuni cittadini del paesino di 2.700 anime del perugino, coinvolto nello scandalo a luci rosse, che avevano denunciato l'accaduto.

LEGGI LE ALTRE NEWS


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).