DALL'ITALIA12:13 - 27 maggio 2010

I lavori più strani della storia, dall'uomo sveglia al clown da funerale

Otto lavori assurdi selezionati dal sito Weird Worm

di Sara Ficocelli
<p>I lavori più strani della storia, dall'uomo sveglia al clown da
funerale</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

Nel 1600, in Inghilterra, educare il futuro Re era un problema serio. Il sangue reale infatti era considerato divino e quindi le insegnanti non potevano frustarlo, neanche se si comportava nel peggiore dei modi. Ma ad ogni problema c'è sempre una soluzione, specialmente se di mezzo ci sono i più deboli: e così, tutte le volte che il Principe sbagliava, al suo posto veniva picchiato un altro bambino. Quello dei "whipping boys", ovvero dei ragazzi incaricati di ricevere le frustate al posto di altri, è solo uno degli otto lavori assurdi selezionati dal sito Weird Worm.

Altro lavoro stranissimo particolarmente in voga in quegli anni in Gran Bretagna era quello del "percuotitore di cani", persona non solo incaricata di addestrarli (perché, a quanto pare, gli inglesi amavano talmente tanto i propri pets da non riuscire a picchiarli) ma anche di frustarli se questi abbaiavano o guaivano durante la messa.

Al terzo posto invece c'è un'occupazione che andava molto nell'antica Grecia, quella dell'adetto alla pulizia degli atleti", un uomo incaricato di spalmarli di olio e fargli lo scrub prima e dopo ogni attività fisica, e al quarto la singolare figura del "palombaro", un soldato dotato di scafandro utilizzato sia per sabotare le navi nemiche che per andare a recuperare l'immondizia dai fondali. Quinto tra i lavori più strani del passato è invece quello del "clown da funerale", una figura comune nell'antica Roma, incaricata di danzare intorno alla bare e fare scherzi durante la cerimonia, così da allentare la tensione.

Non più esaltante il mestiere di "scavatore di fogne", diffuso in Inghilterra durante l'età vittoriana, e in Gran Bretagna e Irlanda era comune quello di "uomo-sveglia", ovvero di colui che, per pochi spiccioli, passava sotto casa dei lavoratori e, picchiando sulla finestra di casa loro con un bastone, li svegliava perché arrivassero a lavoro in tempo.

Ma il lavoro più singolare di tutti è sicuramente l'ultimo, quello del "raccoglitore di pipì": per pulire la lana infatti un tempo si usava l'urina, ricca di ammoniaca, e c'era naturalmente bisogno di qualcuno che passare ore e ore chiuso dentro le fogne pubbliche a raccoglierla. Sarà anche vero che il progresso riduce sempre di un tot i posti di lavoro, ma in qualche caso non è detto che ciò sia un male.

PER TE QUAL È IL LAVORO PIU' STRANO? COMMENTA

LEGGI LE ALTRE NEWS


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).