DAL MONDO09:57 - 28 maggio 2010

Arrestata miss narcos: ecco chi è la regina della coca

Si chiama Angie Sanclemente Valencia

di staff Style.it
<p>Arrestata miss narcos: ecco chi è la regina della coca</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

Da poco più di un giorno è finita la latitanza di Angie Sanclemente Valencia, detta la «regina dei narcos». Vi raccontiamo chi è questa bellissima ragazza, di 31 anni appena compiuti, che ha tenuto in scacco la polizia di Colombia, Argentina e Messico per un anno. Angie è accusata di essere capo di un piccolo commando di miss che trasportavano cocaina dai Paesi sudamericani verso l'Europa. Quando la Sanclemente è stata arrestata nell'ostello K-lodge della capitale argentina,  lei stava facendo la doccia, mentre sul letto aveva una copia del Simposio di Platone. Già, perché Angie si spacciava per studentessa, ma aveva commesso una serie di errori proprio nell'ostello: lo aveva frequentato altre volte presentandosi con passaporti che presentavano un nome di verso. E una bellezza come la sua non era passata inosservata. In più, non frequentava nessuno ma telefonava moltissimo. Un comportamento sospetto per la ragazza nata a Baranquilla, la città del Caribe colombiano. Dove, a 21 anni, è stata eletta Miss nazionale del caffè. Dopo cinque anni, è partita per il Messico, e lì Angie è diventata l'amante di un narcotrafficante, detto «il mostro». Allora l'Interpol aveva emesso contro di lei un ordine di cattura internazionale. Motivo: la Sanclemente aveva organizzato un gruppo di "Charlie's Angels" addette al tresporto della droga.  Adesso il suo traffico è finito. La sua mamma, Jeaneth, ha chiesto che Angie non venga messa in carcere: teme che la sua bellezza possa scatenare violenza in cella. Ma la polizia ha rifiutato.

LEGGI LE ALTRE NEWS


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).