DAL MONDO13:18 - 01 luglio 2010

Fabulis, il Facebook dei gay che non conosce crisi

E' nato poche settimane fa nella Grande Mela. E ora conta 40 mila iscritti. Oltre a molti investitori pronti a scommetterci su

di Lavinia Farnese
<p>Fabulis, il Facebook dei gay che non conosce crisi</p>

Si chiama Fabulis, è il Facebook dei gay: quarantamila iscritti, che condividono in quel luogo incontri, feste, appuntamenti, e una fila (straordinaria, in tempi di crisi) di grandi investitori attenti ai successi in rete pronti a scommetterci su: tra questi, nomi importanti negli Stati Uniti, come l'editore Washington Post Company.

Lo spazio virtuale, che al suo interno raccoglie commenti, followers, applicazioni e classifiche di gradimento, nasce nella Grande Mela. In poche settimane, ha superato l'oceano, e sta piacendo a gay ed etero d'Europa. Ultimo, a David Bohnett: lui, omosessuale che nel 1999 fece una fortuna vendendo a Yahoo! la sua Geocities, ha appena investito nel progetto 250 mila dollari.

TORNA ALLA PAGINA DELLE NEWS


Tags:
Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).