DAL MONDO15:00 - 01 luglio 2010

Perù, trovati i resti di un mostro marino

Scoperti da un'equipe di ricercatori pisani i resti del mostro più feroce mai esistito negli abissi marini. Lo scheletro della testa dell'animale marino con denti lunghi 40 centimetri è stato rinvenuto nel deserto del Perù.

di Greta Privitera
<p>Perù, trovati i resti di un mostro marino</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

Un mostro marino dal passato riaffiora in Perù. È stato trovato un fossile di capodoglio di 12-13 milioni di anni (in realtà solo denti, teschio e mandibola) che a giudicare dalla dentatura doveva essere un feroce predatore.

Lo ha trovato un team internazionale di ricercatori diretti da Olivier Lambert della Museum National d'Histoire Naturelle di Parigi e dall'italiano Giovanni Bianucci dell'università di Pisa. «L'importanza di questo ritrovamento mostra come siano cambiate le caratteristiche di questo grande cetaceo».

Il capodoglio è stato chiamato «Leviathan melvillei» in onore dello scrittore Herman Melville, autore di «Moby Dick», e date le dimensioni dei suoi denti doveva essere feroce e cattivo come la Balena Bianca di Melville. Lungo da 13 metri a 18 metri (nella ricostruzione eseguita dai ricercatori), il Leviathan melvillei doveva avere denti giganti: lunghi 36 centimetri e con un diametro di 12 centimetri.

TORNA ALLA PAGINA DELLE NEWS


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).