DAL MONDO19:59 - 01 luglio 2010

Il partner stressa più del capo

Una ricerca della Lancaster University, guidata dallo psicologo Cary Cooper e raccontata dal tabloid inglese Daily Mail fa luce sulle principali cause di pressione psicologiche. Lo studio, commissionato dalla Philips, ha sondato il livello di stress di 3mila persone

di staff Style.it
<p>Il partner stressa più del capo</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

Chi vi stressa di più? Il vostro capo? No, il partner. Ed è inutile che vi rifugiate nel lavoro per cercare di esorcizzare i problemi di coppia, non aiuta affatto. Anzi. Una ricerca della Lancaster University, guidata dallo psicologo Cary Cooper e raccontata dal tabloid inglese Daily Mail fa luce sulle principali cause di pressione psicologiche. Lo studio, commissionato dalla Philips, ha sondato il livello di stress di 3mila persone e il 57% degli intervistati ha definito il partner come principale causa di nervosismo. Solo il 43% ha puntato il dito contro il proprio capo.

Le donne sono più agguerrite. Il 18% delle intervistate ha incolpato il compagno dello stress, a fronte di un 12% degli uomini . «Uno dei comportamenti di chi si sente insicuro - sottolinea Cooper - è quello di prendersela con il coniuge o con il compagno».

Fonte di stress e' anche l'orario di lavoro. «Se si lavora troppo - dice Cooper - si danneggia la salute e anche la vita di coppia». Ma quando la pressione sale, le donne sono quelle che se la cavano meglio perché riescono a sfogarsi e a raccontare ciò che genera frustrazione.

Cos'altro genera stress nelle donne? Secondo la ricerca il rapporto con la bilancia, per quasi la metà del campione femminile è importante per la salute e il benessere, mentre lo è solo per il 36% degli uomini.
I soldi contano, invece, per il 27% delle donne e il 33% degli uomini.

TORNA ALLA PAGINA DELLE NEWS


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).