DALL'ITALIA12:47 - 03 luglio 2010

Melanoma, scoperte cellule zero

Le "cellule zero" del melanoma, il più devastante cancro della pelle, sono state individuate. Le hanno scoperte i ricercatori della Stanford University School of Medicine in California che hanno pubblicato uno studio sull'ultimo numero della rivista Nature.

di staff Style.it
<p>Melanoma, scoperte cellule zero</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

Le "cellule zero" del melanoma, il più devastante cancro della pelle, sono state individuate.. Le hanno scoperte i ricercatori della Stanford University School of Medicine in California che hanno pubblicato uno studio sull'ultimo numero della rivista Nature.

Negli ultimi anni sono state individuate le cellule zero che danno inizio a molti tipi di cancro: sono le staminali che, pur costituendo la parte minoritaria del tumore, ne causano la crescita perché si riproducono dando continuamente vita a nuove cellule malate. Così anche quando i farmaci annientano la massa neoplastica, queste staminali ne vanificano l'efficacia formando un nuovo tumore, spesso più cattivo del primo.

Per il melanoma finora queste cellule originarie mancavano all'appello, ma i ricercatori americani le hanno scoperte. «Grazie a questa importante traguardo che abbiamo raggiunto potremo dunque studiare nuovi farmaci che le distruggano» ha commentato Alexander Boiko, autore dello studio.

Il melanoma colpisce oltre 100mila persone nel mondo e la sua incidenza è aumentata del 15 per cento circa rispetto al decennio precedente. In Italia si ammalano in media 12-13 persone ogni 100mila abitanti, mentre in Europa i tassi più alti si registrano fra gli abitanti con carnagione e occhi chiari dei Paesi del Nord. Le cause della crescita sono molteplici, prime fra tutte la diagnosi precoce e l'esposizione solare intensiva e concentrata in poche settimane all'anno.

VAI ALLA PAGINA DELLE NEWS


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).