DALL'ITALIA13:04 - 03 luglio 2010

«Separarsi? Basterà il notaio»

Separarsi dal notaio anziché in tribunale, ma solo se non ci sono figli minorenni. È una ipotesi per snellire la giustizia civile su cui sta lavorando il Consiglio nazionale del notariato e il ministro della Giustizia.

di staff Style.it
<p>«Separarsi? Basterà il notaio»</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

Separarsi dal notaio anziché in tribunale, ma solo se non ci sono figli minorenni. È una ipotesi per snellire la giustizia civile su cui sta lavorando il Consiglio nazionale del notariato e il ministro della Giustizia.

Alfano ha lanciato ieri la proposta per individuare nuove competenze da assegnare ai notai, per potere così alleggerire il lavoro dei tribunali civili. Tra le proposte possibili ci sarebbe la "composizione patrimoniale nel caso delle separazioni senza figli", e, con una legge apposita, anche l'intera separazione dal notaio.

«I dati dimostrano che laddove come categoria siamo stati chiamati a coadiuvare i giudici, le cose hanno funzionato bene», ha detto Giancarlo Laurini, presidente del Consiglio dei notai.

Dal Ministero arrivano conferme: i tecnici hanno detto che allo studio "ci sono varie ipotesi" per snellire le procedure civili: «I notai hanno le competenze adatte».

 

VAI ALLA PAGINA DELLE NEWS




Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).