DAI PALAZZI17:09 - 03 luglio 2010

Carabiniere uccide e getta nel fiume la ex

L'uomo ha raccontato di averla uccisa sparandole un colpo di pistola alla tempia e poi di avere gettato il corpo della giovane nel fiume.

di Angelo Sarasi
<p>Carabiniere uccide e getta nel fiume la ex</p>
PHOTO LAPRESSE

A condurre le forze dell'ordine sul luogo del delitto, è stato proprio l'omicida, Luca Sainaghi, 28 anni, carabiniere. Poco prima aveva confessato, nella caserma di Novara, di essere l'autore dell'omicidio di Simona Melchionda, la 25enne di Oleggio, che aveva fatto perdere le proprie tracce dallo scorso 6 giugno.

L'uomo ha raccontato di averla uccisa sparandole un colpo di pistola alla tempia e poi di avere gettato il corpo della giovane nel fiume. I vigili del fuoco l'hanno ritrovato poche centinaia di metri più a valle.

Sainaghi nel corso dei primi interrogatori aveva negato di avere a che fare con la scomparsa di Simona, ma non aveva convinto gli inquirenti, cadendo spesso in contraddizione.

Anche i genitori della giovane avevano indicato l'ex fidanzato come principale sospettato: la loro storia d'amore era stata piuttosto burrascosa e Simona, la sera della scomparsa, dopo una discussione al telefono, sarebbe uscita proprio per chiarirsi con il carabiniere. La loro storia d'amore era ufficialmente finita dopo che Sainaghi aveva messo incinta un'altra donna. Ma evidentemente non era così e i due hanno continuato a vedersi, sino al tragico epilogo del 6 giugno.

VAI ALLA PAGINA DELLE NEWS


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).