DAL MONDO10:23 - 05 luglio 2010

Google, aumento (di 1000 euro) per i dipendenti gay

Aiuterà gli omosessuali a coprire tutte le spese in più, dovute al mancato riconoscimento delle loro unioni: per esempio, l'assicurazione sanitaria al partner

di Lavinia Farnese
<p>Google, aumento (di 1000 euro) per i dipendenti gay</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

Nei giorni in cui in Italia, sulle colonne di Repubblica, si è aperta la polemica dopo un'inchiesta del quotidiano sugli affitti negati ai gay (con il ministro delle Pari Opportunità, Mara Carfagna, che bolla questi episodi come «inaccettabili e indegni di un Paese civile»), l'America, con Google, prende una direzione decisamente diversa. L'azienda infatti pagherà di più i suoi dipendenti gay.

L'aumento in busta paga (retroattivo: parte questo mese, ma con effetti da gennaio scorso) è motivato da questo principio: poiché gli eterosessuali, sposati, possono godere di maggiori sgravi fiscali, l'extra (1000 euro al mese) contribuirà a bilanciare, e aiuterà gli omosessuali a coprire tutte quelle spese che di diritto non vengono loro riconosciute.

Un esempio? L'assicurazione sanitaria al compagno/a. Secondo le leggi degli Stati Uniti, quando un'azienda offre come bonus l'assicurazione sanitaria anche ai partner dei propri dipendenti, questa è esente da tasse solo per le coppie sposate regolarmente, ma non per gay e lesbiche. Il bonus vale però solo per i dipendenti americani.

L'azienda di Mountain View è considerata dalla Camera di Commercio Gay e Lesbica Internazionale, come una delle cinque aziende più attente ai diritti civili dei non etero del mondo. Tra l'altro, si è schierata anche a favore dei matrimoni tra gay. Secondo uno dei due fondatori, Sergey Brin: «Non dovremmo mai eliminare il diritto di ciascuno di sposare la persona che ama, qualunque sia il suo orientamento sessuale».

TORNA ALLA PAGINA DI NEWS


Tags:
Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).