DALL'ITALIA09:58 - 08 luglio 2010

Addio Lelio Luttazzi, maestro innamorato del jazz

Il musicista e compositore è scomparso nella sua casa di Trieste, questa notte. Aveva 87 anni. Soffriva da tempo di neuropatia. Al suo fianco fino all'ultimo la moglie Rossana

di Lavinia Farnese
<p>Addio Lelio Luttazzi, maestro innamorato del jazz</p>
PHOTO LAPRESSE

Addio, maestro dello swing. Lelio Luttazzi, musicista, compositore, direttore d'orchestra, presentatore e attore, è scomparso a 87 anni, la scorsa notte, alle 2 e 45, nella sua casa di Trieste. Al suo fianco la moglie Rossana Moretti. Soffriva da tempo di neuropatia, le sue condizioni erano peggiorate nelle ultime settimane.

Pianista innamorato del jazz, fu tra i primi a portarlo in Italia. Negli anni Cinquanta e Sessanta, è stato tra i personaggi di maggiore successo della canzone italiana. Ha composto da Una zebra a pois, cantata da Mina a Il giovanotto matto, il classico di Ernesto Bonino, da Promesse di marinaio a El can de Trieste. E condotto programmi come Ieri e Oggi, Studio Uno, Il Paroliere, Hit Parade. Come attore, lo ricordiamo in L'ombrellone di Dino Risi. Fu poi anche autore di colonne sonore: Toto, Peppino e la Malafemmina e Totò lascia o raddoppia?.

La sua carriera artistica si interruppe bruscamente nel 1970, quando fu arrestato con Walter Chiari e Franco Califano con l'accusa di traffico di stupefacenti: dopo 27 giorni di carcere, nei suoi confronti decadde ogni accusa e fu rimesso in libertà.

«Voglio che la sua musica resti patrimonio di tutti», ha detto la moglie, conosciuta nel 1976 e sposata nel 1979. «Non c'è più un uomo meraviglioso, un compagno straordinario con il quale ho condiviso una vita. Lo porterò sempre con me». Ha poi ringraziato la città di Trieste «per l'amore»: la camera ardente verrà allestita nella sala del Consiglio Comunale.

VEDI ANCHE LA GALLERY LELIO LUTTAZZI: UNA VITA A RITMO DI SWING

Guarda i video su Lelio Luttazzi:


Lo speciale di Blob su di lui

 

 

Insieme a Mina (1964)



La partita a poker, tratta da L'ombrellone di Dino Risi (1964)


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
giuli41 74 mesi fa

Mi dispiace tanto,mi piaceva sia come musicista che uomo perchè aveva modi garbati e signorili, era un vero gentleman

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).