DAL MONDO10:10 - 12 luglio 2010

Canada, il blog delle «mille cose stupende dellla vita»

Dalla maglietta ritrovata alla fila di semafori verdi. La vita quotidiana sorprende ogni giorno con delle piccole cose inaspettate e Neil Pasricha, un ragazzo canadese, ne ha fatto un blog di successo

di Greta Privitera
<p>Canada, il blog delle «mille cose stupende dellla vita»</p>

Neil Pasricha, un canadese di 30 anni, durante una fase piuttosto buia della sua vita (il divorzio dalla moglie, problemi sul lavoro, la malattia di un caro amico), come antidoto alla depressione ha deciso di scrivere un blog in cui registrare almeno una piccola gioia quotidiana.

Lo ha chiamato 1000awesomethings (1000 cose stupende). È partito da una nevicata inaspettata è passato da una fila tutta per sé in un lungo viaggio aereo, fino a un perfetto palloncino con il chewing-gum,  ed in pochi mesi il blog è diventato un successo mondiale.

È stato già visitato da 17 milioni di persone, 50 mila lo leggono in media tutti i giorni. Non solo, ma ha anche cambiato radicalmente in meglio la vita del suo autore: scriverà un libro raccontando la sua storia e quella del blog, una rete televisiva gli ha chiesto di sceneggiare un serial ispirato dalla sua storia e i suoi discorsi come trainer motivazionale vengono richiesti a peso d'oro a conferenze e convegni da un capo all'altro del Nord America.

Ci sono già state altre esperienze di libri e raccolte di «momenti felici» nel passato, ma nessuno lo ha fatto online. Il canadese Pasricha ha aggiunto il potere comunicativo di internet: il suo blog può ricevere commenti e suggerimenti di altri «piccoli piaceri della vita» e viene condiviso da decine di migliaia di persone al giorno e da milioni di persone ogni mese.

COSA VI E' SUCCESSO OGGI DI SPECIALE? RACCONTATECELO...

TORNA ALLA PAGINA DI NEWS


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).