DAL MONDO10:55 - 13 luglio 2010

Playboy, Hefner punta a riprendere il controllo della società

Il fondatore delle conigliette ha presentato un'offerta da 122 milioni di dollari

di staff Style.it
<p>Playboy, Hefner punta a riprendere il controllo della
società</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

Hugh Hefner, l'ottuagenario fondatore di Playboy, punta a riprendersi l'intero controllo della società editoriale. Con un gruppo di private equity, «Hef» ha offerto 122 milioni di dollari, con un premio del 40% rispetto alla chiusura di venerdì del titolo di Playboy.

Il consiglio di amministrazione non si è ancora pronunciato, ma il voto di fiducia di Hefner nelle conigliette fa volare il titolo in Borsa, che arriva a guadagnare oltre il 35%. Hefner attualmente controlla il 69,5% delle azioni di Classe A di Playboy e il 27,7% di quelle di Classe B, che hanno chiuso venerdì a Wall Street a 3,94 dollari. La mossa di Hef ha scatenato la reazione di Mark Bell, amministratore delegato di FrienFinder, proprietario del concorrente storico Penthouse, che ha annunciato che intende presentare un'offerta per Playboy.

Sulla caccia alle azioni del fondatore del colosso editoriale, le interpretazioni si sprecano. Secondo la prima, il papà di Playboy, che ha sempre avuto fiuto per gli affari, penserebbe che le aziende editoriali non sono più adatte a stare a Wall Street. L'altra interpretazione, più pessimista, la fornisce il sito di informazione finanziaria MarketWatch: «Per Playboy - si legge nell'analisi del sito - la festa è veramente finita». Con la concorrenza di Internet, la rivista è infatti in forte calo di vendite, con solo dieci uscite all'anno e una scarsa raccolta pubblicitaria. E l'annuncio di Hefner potrebbe preludere a una fine poco gloriosa: una fusione o una cessione completa del gruppo.


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).