DALL'ITALIA10:18 - 14 luglio 2010

Uccisa a sprangate dall'amico di Facebook: preso l'omicida

Domenico Iania, di 52 anni, è ritenuto l'autore dell'omicidio di Chiara Brandonisio

di staff Style.it
<p>Uccisa a sprangate dall'amico di Facebook: preso l'omicida</p>

È stato arrestato nel piacentino Domenico Iania, di 52 anni, ritenuto l'autore dell'omicidio di Chiara Brandonisio, 34 anni, uccisa a sprangate a Bari l'8 luglio scorso. L'accusa è di omicidio volontario aggravato. L'uomo è stato arrestato nei pressi della sua abitazione a Morfasso, in provincia di Piacenza, dalle squadre mobili delle Questure di Bari e Piacenza. Iania avrebbe ucciso a colpi di spranga Chiara Brandonisio, conosciuta su Facebook e mai incontrata prima, mentre la donna andava in bicicletta al lavoro, in una fabbrica di lavorazione delle mandorle, a Carbonara.

Secondo le prime ricostruzioni, Iania aveva conosciuto la vittima su Facebook. Lunghe conversazioni via chat, ma mai nessun incontro. Ed è stato quando Chiara ha deciso di troncare quella relazione virtuale che Domenico ha pensato raggiungerla in Puglia per incontrarla. È partito da Morfasso con la sua panda blu che poi ha abbandonato poco lontano dal luogo del delitto. Ha raggiunto Chiara poco dopo l'alba mentre la ragazza andava in bicicletta al lavoro. Una breve e probabilmente animata discussione. Poi la testa della ragazza martoriata a sprangate. Alcune ore di coma e la morte certificata dai medici dell'ospedale.


- STALKING: 7000 DENUNCE IN UN ANNO

- RIPARTE AMORE CRMINALE, LA RAZNOVICH: «QUESTA VIOLENZA MI ATTERISCE»

- COSA PENSI DI QUESTI CASI DI VIOLENZA? COMMENTA

- VAI ALLA PAGINA DELLE NEWS


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
donny 74 mesi fa

è orribile quello che è successo

donny 74 mesi fa

è una cosa tremenda quello che è successo.......io sono molto indignata........

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).