DALL'ITALIA12:06 - 19 luglio 2010

Morta neonata per reparto chiuso, aperta indagine

La Commissione parlamentare d'inchiesta ha avviato un'indagine sul caso di una bambina nata all'ospedale in provincia di Cosenza, e deceduta mentre stava per essere trasferita in elisoccorso alla neonatologia dell'Annunziata.

di Greta Privitera
<p>Morta neonata per reparto chiuso, aperta indagine</p>

Una neonata è morta all'ospedale di Rossano, in Calabria. È deceduta il 13 luglio scorso mentre stava per essere trasferita in elisoccorso alla neonatologia dell'Annunziata di Cosenza. La piccola, nata al settimo mese, era stata intubata ma le sue condizioni erano rimaste gravi.

La Commissione parlamentare d'inchiesta ha avviato un'indagine sui ritardi nel soccorsi. La madre della piccola, alla fine del settimo mese di gravidanza, aveva iniziato ad accusare dolori addominali che non sono cessati neanche dopo l'intervento della guardia medica che le aveva praticato un'iniezione antidolorifica. Accompagnata dal marito e dal cognato, la donna si era recata presso il vicino pronto soccorso dell'ospedale di Trebisacce (Cosenza) dove era stata visitata ma, essendo chiuso il reparto di ostetricia e ginecologia, le era stato consigliato il trasferimento a Rossano. Non essendo nemmeno disponibile l'ambulanza i tre sono andati al secondo ospedale in auto. A Rossano è stato diagnosticato un distacco della placenta e i sanitari hanno deciso di intervenire con un cesareo, ma la situazione è precipitata.

«Da parte della Commissione che presiedo»,  ha dichiarato il Presidente Leoluca Orlando, «non posso che esprimere vicinanza e solidarietà alla mamma della piccola e ai suoi famigliari: ci troviamo, purtroppo, davanti a un ennesimo triste episodio che ha come protagonista un neonato e che dimostra come in Calabria sia particolarmente delicata e necessaria di attenzione la questione dei punti nascita, daremo il nostro contributo per far luce sulla vicenda».

TORNA ALLA PAGINA DI NEWS


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).