DAL MONDO11:41 - 20 luglio 2010

Times online: a pagamento, perde 2 lettori su 3

Da due settimane, il sito di news del quotidiano di Londra chiede 2 sterline a settimana per entrare. Le visite sono calate immediatamente di due terzi. Ma Rupert Murdoch, temevano peggio: si aspettava un calo del 90 per cento

di Ferdinando Cotugno
<p>Times online: a pagamento, perde 2 lettori su 3</p>

Da due settimane, al sito web del Times (www.timesonline.co.uk) si accede solo dopo aver sottoscritto un abbonamento da 2 sterline a settimana. Il primo bilancio, con dati forniti da analisti indipendenti (www.beehivecity.com), segna risultati definiti «deludenti» dagli analisti, ma non il tracollo delle previsioni più pessimistiche.

Gli iscritti al servizio sono 15 mila, più altre 12 mila sottoscrizioni attraverso l'iPad della Apple. Inoltre, il dato più preoccupante è che le visite al sito sono crollate al 33% dei livelli preregistrazione. In due settimane, il Times ha perso due lettori su tre. Eppure, c'è chi fa notare che non è andata così male. Tra le previsioni più fosche, trapelate dall'interno della redazione, c'era quella di un crollo del 90% delle visite.

E l'esperimento ha funzionato meglio rispetto a precedenti fallimenti, come il sito d'informazione americano Newsday, che in tre mesi di vita come testata web a pagamento aveva raccolto soltanto 35 iscrizioni.

Rupert Murdoch aveva già applicato una tariffa agli articoli del più specialistico Wall Street Journal, la sua sfida di esportare questo modello business all'informazione generalista non si fermerà qui. La prima misura prevista dalla sua Newscorp è un'offerta promozionale che dimezzerà il costo della sottoscrizione. Una sola sterlina per una settimana di notizie, per conquistare almeno i 150mila lettori che si sono registrati al sito, senza sottoscrivere l'abbonamento.

VAI ALLA PAGINA  DI NEWS

 


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).